L'azienda vinicola prende il nome dalla famiglia Avignonesi, gli storici fondatori della tenuta.

Una costante attività di ricerca e sviluppo, finalizzata a esprimere l'essenza del terroir di Montepulciano, ha permesso col tempo ad Avignonesi di guadagnarsi un meritato posto fra le aziende vinicole più rappresentative in Toscana.

Nel 2009, Avignonesi è stata rilevata da Virginie Saverys che ha da subito introdotto metodi di coltivazione biologica al fine di creare vini distintivi, genuini e dal carattere ancora più definito.

Noi crediamo che la forza vitale della terra e il carattere dei nostri terreni sia l'essenza che definisce la nostra identità. Ad ogni vendemmia Avignonesi rinasce dal suolo dei nostri vigneti, in vini che riflettono le sottili differenze di ogni sito di coltivazione le caratteristiche sensoriali di ogni annata, vini che riescono a raccontare la ricchezza e la bellezza del territorio di Montepulciano e Cortona.

Noi rispettiamo la tradizione vitivinicola di Montepulciano, dove i vini a base di Sangiovese sono prodotti da secoli, e desideriamo contribuire al suo futuro, facendoci portavoce di questa importante eredità.

Noi rispettiamo l'innato carattere di ogni vino e cerchiamo di rendere il suo percorso dal suolo alla cantina fino alla bottiglia il più naturale possibile.

“Vini più salutari per persone più sane, ma anche una terra e un ambiente più sani da lasciare in eredità alle nostre generazioni future.”

 

Virginie Saverys

 

Virginie è nata a Gent, in Belgio, e si è laureata in legge all'università di Parigi nel 1983. Virginie è cresciuta in una famiglia che da sempre ha apprezzato i vini e, da appassionata, al termine di una carriera legale di grande successo, nel 2007 ha deciso di trasferirsi in Toscana e di investire negli Avignonesi. Nel 2009 ha rilevato l'interezza delle quote societarie con l'ambizione di portare Avignonesi, una realtà vinicola già affermata per la qualità dei propri vini e il grande dinamismo tecnico-scientifico, a un nuovo livello di eccellenza.

Virginie è una convinta sostenitrice dei prodotti biologici e della medicina omeopatica: pertanto, la scelta di convertire a metodi di coltivazione biologica tutta l'azienda vinicola è stata del tutto naturale. Il suo obiettivo ad Avignonesi è di produrre vini che non soltanto riflettano la peculiare identità del terroir di Montepulciano, ma vini che siano anche più salutari per i suoi clienti, più salutari per la terra e, di conseguenza, per le generazioni future.

 

Le persone di Avignonesi

Enologi

Ashleigh Seymour

ashleigh_portrait.jpg

"Quando mi si presentò l'occasione di lavorare sull'annata 2010 da Avignonesi la presi al volo."

Lavorare per Avignonesi dà ad Ashleigh l'opportunità di far incontrare le tecniche di vinificazione del nuovo mondo con le tradizioni del vecchio mondo. Ashleigh proviene da una delle più famose università di viticoltura ed enologia al mondo, l'Università di Adelaide. Numerose e diversificate esperienze in aziende vinicole australiane ed europee le hanno permesso di sviluppare una profonda comprensione del terroir.

Giampaolo Chiettini

Giampaolo_portraits.jpg "Un vino genuino e autentico non ha la necessità di essere continuamente testato e migliorato, ma soltanto di essere bevuto e apprezzato."
Giampaolo, il nostro consulente enologo, ha lavorato in tutte le principali regioni vinicole del mondo ed è per noi una fonte di saggezza e sapere. Laureatosi nella prestigiosissima scuola di agricoltura di San Michele all'Adige nella provincia di Trento, la sua filosofia sul vino è serafica e generosa come il suo carattere: "non disturbare - il vino sa quale percorso prendere".

Matteo Giustiniani

matteo_portraits.jpg

"Voglio che il mio vino rifletta quanto più possibile il "terroir", affinchè sia unico e piacevole."

Fiorentino di nascita, la sensibilità di Matteo per il terroir è testimoniata dalle aziende vinicole dove aveva deciso di iniziare la sua carriera. Dopo la laurea in enologia e viticoltura all'Università di Firenze, Matteo ha conseguito un master in enologia all'Università di Bordeaux, dove ha potuto anche approfondire le sue conoscenze sui vigneti e sul vino anche grazie al lavoro parallelo in numerose quanto prestigiose aziende vinicole.

Agronomi

Adriano Zago

Adriano_portrait.jpg

"Virginie Saverys mi chiese di aiutarla a convertire Avignonesi alla biodinamica, una sfida tanto importante quanto estremamente stimolante."

La dedizione e l'esperienza di Adriano ci hanno aiutato a passare con successo a metodi biodinamici in tutta l'azienda vinicola. Le sue precedenti esperienze di lavoro fra la Nuova Zelanda, l'India e la Francia gli hanno permesso di capire che la biodinamica, dovunque sia applicata, dovrebbe essere semplice, pratica, efficiente e in sincronia coi bioritmi naturali del luogo.
www.adrianozago.eu

Alessio Gorini

Alessio_portrait.jpg

"Mi sono subito ritrovato nello spirit di innovazione e curiosità che caratterizza la squadra di Avignonesi."

Pistoiese di nascita, Alessio ha lavorato e studiato in alcune delle zone vinicole più prestigiose nel mondo, come Bordeaux, Borgogne e Nuova Zelanda, dove ha maturato una visione molto personale delle sfide della viticoltura biodinamica.

Si definisce un “soldato della vigna” e crede che la qualità del lavoro agronomico dipende dalla capacità di osservare la natura e di interpretare le necessità delle vigne, giorno dopo giorno, durante l’anno: respirare l’aria della vigna. Soltanto così si  può dire di conoscere davvero il terroir. Alessio è arrivato in Avignonesi a inizio 2014.

Piero Luciani

piero_portrait.jpg "Virginie mi ha dato la possibilità di affrontare una sfida: produrre un prodotto salubre che sia anche economicamente sostenibile. Questo impegno mi stimola ogni giorno a fare del mio meglio."

Piero inizia da giovanissimo la sua carriera nel settore vitivinicolo presso una Fattoria Lucchese a conduzione familiare. Segue un lungo periodo in una società vitivinicola multinazionale, dove ricopre il ruolo di responsabile tecnico di alcune Tenute agricole tra il Chianti, Montalcino e Montepulciano, opportunità che gli da’ modo d'avere una visione della gestione agronomica ed economica in una realtà imprenditoriale molto complessa. Nel 2013 entra a far parte del team agronomico di Avignonesi, dove ritrova un ambiente familiare ed una grande attenzione per il lavoro dell’uomo, della natura e del vino.

 

Storie

19Sep
2017

Moonlit Harvest Dinner

virginie_harvest.jpg Join us for the first Avignonesi Moonlit Harvest Dinner, hosted by Virginie Saverys, on October 11. Continua
05Jun
2017

Avignonesi Interns Have More Fun

hortense.jpg Avignonesi has roots deeply planted in the Tuscan soil, but Avignonesi is also international. International in spirit and ambition - and so is our extensive internship programme. Here's Hortense Faucher from France, a marketing intern, sharing... Continua
19Apr
2017

Vah Joo, un sorso di Toscana

Vaj_Joo_Europa_fronte.jpg Il nome Vah Joo va pronunciato “va giù” e significa esattamente quello che vi immaginate. Come si dice in Toscana: “più lo mandi giù, più ti tira su”! Continua
28Mar
2017

Avignonesi e il nuovo libro di Slow Food

locandina_verona_pracchia.jpg Avignonesi è fiero di sponsorizzare il nuovo libro di Fabio Pracchia, edito da Slow Food, che sarà presentato al negozio Feltrinelli a Verona il 10 aprile alle ore 19. Continua
22Mar
2017

The Perfect Score

ODP_2001_WA.jpg It doesn't happen often,  but when it does it's time to rejoice: Occhio di Pernice 2001 was just awarded 100 points - the perfect score - by the renowned wine magazine The Wine Advocate Continua
12Dec
2016

2016: Quality over Quantity

cover_harvest_repot_2016.jpg Rain, hail, some more rain, hail again and then, finally, sun.  Here's the story of the 2016 harvest,  a good year for quality, but a difficult year for quantity.   Continua
Leggere altre storie